Pagine

lunedì 22 aprile 2013

Un termocamera microscopica consentirà di individuare persone nella nebbia e nel buio .


Un termocamera microscopica consentirà di individuare persone nella nebbia, nelle tempeste di sabbia o nascoste alla vista, com'è successo a Boston nella caccia al secondoattentatore della maratona. Attualmente sono in uso modelli abbastanza pesanti e voluminosi, che sono efficaci ma devono obbligatoriamente essere montati sui mezzi di trasporto, in futuro però non sarà più così.
Prototipo termocamera
La DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) in collaborazione con DRS Technologies ha infatti sviluppato una microcamera LIWR (long-wave infrared, a infrarossi ad onde lunghe) da cinque micrometri con una risoluzione di 1.280 x 720 pixel. I ricercatori hanno fatto sapere che sono stati condotti con successo i primi test con tre prototipi funzionanti attraverso una tempesta di polvere. Il risultato è che la sensibilità non registra perdite rispetto ai modelli più voluminosi.
Il calore emesso dal corpo umano non si nasconde
Per le forze dell'ordine e l'esercito è una novità decisamente importante, perché questo tipo di strumentazione è usato anche nelle operazioni di caccia all'uomo. L'esempio più recente riguarda l'individuazione del secondo attentatore della maratona di Boston, Dzhokhar Tsarnaev, che era nascosto all'interno di una barca a Watertown, nel Massachusetts.
Una termocamera montata sotto a un elicottero Eurocopter AS-355N Twinstar  ha consentito di catturarlo, e in seguito sia le foto sia il filmato spettacolare di tre minuti con le immagini di questo strumento investigativo hanno fatto il giro di Internet. Come si può vedere, la sagoma dell'uomo viene individuata dal calore corporeo che emette, e che viene rilevato dall'infrarosso.

Nessun commento:

Posta un commento