Pagine

sabato 4 maggio 2013

Armi ad energia diretta satellitare", non è fantascienza


"Armi ad energia diretta satellitare", non è fantascienza

Vi avevo già parlato di un'arma ai raggi microonde il cui uso potenziale poteva essere quello di "scottare" i manifestanti, ho approfondito l'argomento da allora (marzo 2012) ad oggi ed ho scoperto tutta una tipologia di armi dette "Armi ad energia diretta" fra cui naturalmente rientra anche quella dei raggi microonde.

Vi avevo già parlato di un'arma ai raggi microonde il cui uso potenziale poteva essere quello di "scottare" i manifestanti, ho approfondito l'argomento da allora (marzo 2012) ad oggi ed ho scoperto tutta una tipologia di armi dette "Armi ad energia diretta" fra cui naturalmente rientra anche quella dei raggi microonde. Queste armi comprendono una classe di armamenti capaci di indirizzare sui bersagli, in modo quanto mai preciso ed efficace, svariate forme di energia non cinetica, in sostanza piuttosto che colpire l'obbiettivo con un proiettile o mediante la forza d'urto di un'esplosione, questi dispositivi inviano sul bersaglio delle radiazioni elettromagnetiche, ad onde acustiche, o al plasma o ad elevata energia o ancora raggi laser.
Vediamo alcune di queste armi del XXI secolo in dettaglio: THEL significa Tactical High Energy Laser, ed è appunto un dispositivo laser ad elevata potenza ( esiste anche il MTHEL ossia la medesima arma in versione portatile dove M sta appunto per MOBILE). La compagnia che da alcuni anni si sta occupando dello sviluppo del progetto THEL si chiama Northrop Grumman. Durante diversi test, resi pubblici anche in video, il potente raggio laser viene utilizzato per fare esplodere missili e proiettili in volo (testando dunque la sua funzionalità quale dispositivo di difesa antiaerea). Il progetto vede impegnati nello sviluppo di questa tecnologia laser sia gli americani che gli israeliani. Proprio l’esercito israeliano annovera il THEL quale arma già in dotazione al suo esercito, e questo fa supporre che ne possieda già degli esemplari, probabilmente già dislocati a difesa di basi militari e città. Il THEL utilizza delle sostanze chimiche (fluorite di deuterio) per creare un raggio laser invisibile capace di abbattere aerei e missili . Abbiamo poi l'Airborne Laser (ABL) che consiste in un laser chimico ad alta energia montato su di un Boeing 747 modificato . Il dispositivo, sviluppato dalla Northrop Grumman e dalla Boeing è in dotazione all'aeronautica USA dal 2003. L’ABL è in grado di individuare ed abbattere missili balistici. Proseguendo il nostro viaggio troviamo lo Space-Based-High-energy Laser (HEL) che si tratta di un armamento laser montato su di un satellite, capace di colpire bersagli nello spazio, sulla terra ed in aria, non male eh…questa risulta in dotazione a Stati Uniti, Israele e Cina da notare che risulta in fase di test già dal lontano 1998  Proseguendo troviamo tutta una serie di armi ai raggi ultravioletti. L’azienda HSV di San Diego sta sviluppando un’arma laser capace di paralizzare animali e persone. Ce ne sono montate sugli Humvee, risulta che alcune siano state utilizzate in Afghanistan per fare brillare le mine.
Veniamo ora alle armi al plasma e ad impulsi, vi potrà sembrare che stia parlando di armi da film di fantascienza ma sappiate che le basi per una simile tecnologia bellica furono poste negli anni ’40 dal fisico Nicola Tesla. Il principio è quello di sparare contro il bersaglio un “proiettile” di energia, composto da materia elettricamente carica composta da elettroni, neutroni e protoni. Il tutto avviene attraverso un processo di ionizzazione dell’aria (chemtrails?). Tale meccanismo è stato studiato approfonditamente dagli scenziati del DARPA (il dipartimento per la ricerca e l’innovazione tecnologica del Dipartimento della Difesa USA), con la collaborazione di una azienda tedesca. Armamenti di questo tipo sono in fase avanzata di sperimentazione da parte degli eserciti di: USA, Israele e Australia. L’applicazione letale di questa tecnologia è stata chiamata Pulsed Impulsive Kill Laser (PIKL). Il dispositivo ha dimostrato la sua efficacia in diversi test, riuscendo a perforare anche armature in Kevlar e lastre di metallo. La versione non letale del PIKL va sotto il nome di Pulsed Energy Projectile (PEP). Questo dispositivo è in grado di stordire uomini e animali, creando forte dolore e temporanea paralisi. Il principale ambito di applicazione previsto per il PEP viene indicato in scenari di controllo dell’ordine pubblico, mentre un’altra delle applicazioni prefigurate è quella di presidio dei checkpoint. Oltre a stordire le persone una simile arma dovrebbe essere capace di bloccare i veicoli, in quanto il suo “impulso energetico” interferire con i sistemi elettrici di iniezione. Il raggio d’azione del PEP è di circa 2 Km, ed il suo funzionamento si basa sull’emissione di un impulso laser ad infrarossi (mediante l’impiego di un “deutorium fluoride laser”). Il plasma prodotto dalla parte iniziale dell’impulso arriva ad esplodere poiché i suoi elettroni assorbono l’energia della parte finale dell’impulso. L’esplosione di questo plasma ad elevata energia si tramuta in una forza d’urto combinata ad un’onda elettromagnetica. Altri dispositivi affini a questa tecnologia si chiamano MARAUDER (Magnetically Accelerated Ring to Achieve Ultra-high Directed Energy and Radiation) ed Extreme Alternative Defense System (XADS) . 

Nessun commento:

Posta un commento